Cronache di un basso di merda.

Importante disclaimer: se sei finito qui è perché non avevo voglia di perdere tempo a spiegare a voce cosa mi abbia portato a chiedere una determinata cifra per questo strumento che non ho mai sinceramente amato. Visto che però ho le mie ragioni, eccome se ce l’ho, le ho volute scrivere qui, perché vorrei che fosse chiaro quanta merda m’ha fatto mangiare questo strumento del cazzo. Ma andiamo con ordine e INIZIAMO!

All’alba del terzo millennio, stremato dai continui commenti in merito al mio Ibanez Soundgear 5 corde legni pregiatissimi di origine remotissima / elettronica attiva / PU di grandissima qualità (leggasi strumento insipido e assolutamente inadeguato a una sala di registrazione professionale) colgo la palla al balzo dando retta al mio batterista: “Fa’ un salto dal Navini a Castiglion Fiorentino: hanno un G&L L2500 (matr. 7104, attestato firmato addirittura da Phyllis Fender, vedova di), a 5 corde a un ottimo prezzo”. Il negozio di strumenti musicali Navini a Castiglion Fiorentino era (è? Non saprei, ora come ora) un’icona, un’istituzione eccetera, fatto sta che vado e offro in permuta quel ceppo da ardere del mio Ibanez. Fatto l’affare (il prezzo m’era parso stranamente ragionevole per un basso nuovo) me ne vado direttamente dal liutaio (il primo liutaio lo chiameremo A, e non sarà il primo, anzi) a fare le sistemazioni di rito come schermatura, eventuale rettifica e via così. Prima badilata: lo strumento non è nuovo. Intendiamoci, è tenuto benissimo, maniacalmente, ma non è nuovo: la fama del Navini non è stata smentita quindi, ma pace. Da cosa lo scopro? Il liutaio A ha schermato personalmente quello che era il basso dell’amico Roberto Ciucca Tiezzi, storico bassista di Pupo. Roberto ha una collezione pazzesca di bassi e il fatto che non avesse tenuto ‘sto G&L avrebbe dovuto insospettirmi, ma tiremm innanz, anche perché c’è un secondo problema: il truss rod non lavora regolarmente, anzi parrebbe proprio non funzionare. Pace: abbassiamo il ponte all’inverosimile e proviamo a suonarci. Così facendo ci suono per molto tempo, ma alla fine la situazione diventa ingestibile e riporto il basso al liutaio A: grazie ai buoni uffici della moglie del liutaio stesso faccio l’intera stagione con un basso di liuteria fatto proprio del liutaio A in attesa che costui me lo ripari. Il liutaio A era (ed è tuttora famoso) per prendersi tempi deliranti per il proprio lavoro, specialmente quando il cliente gli diceva la frase “Non preoccuparti, non ho fretta”. Dopo oltre un anno riprendo il basso al quale aveva fatto il seguente lavoro: per sbloccare il trussrod aveva tagliato i primi 3 tasti della tastiera e l’aveva in qualche modo sbloccato. Non ricordo nemmeno se pagai l’intervento, dopo oltre un anno, ma ripresi il basso e la situazione mi parve migliorata. Pura suggestione: cambio casa e cambio anche liutaio, visto che A si trasferisce in un’altra regione. A pochi km dalla mia casa precedente c’è un altro liutaio, che per comodità chiamerò B, gran capataz di manici, PU ed effetti che, preso il manico mi dice “Il trussrod non funziona: come vuoi fare?“. Bestemmiando, gli dico se è possibile togliere solo la tastiera salvaguardando il manico (sì, lo so, gli ho fatto fare una stronzata capitale, maledizione, non è vero che il cliente ha sempre ragione, specialmente se è un incompetente totale com’era allora il sottoscritto). B acconsente ed effettua l’operazione, mettendo su mia richiesta anche dei dot più piccoli, in abalone, ordinati addirittura da Wilder. Esteticamente il lavoro è (se visto di fronte) fatto benissimo. Vi ricordate il taglio della tastiera effettuato dal liutaio A per sbloccare eccetera? Il liutaio B, cadendo dalle nubi, mi dice di non aver trovato traccia dell’intervento effettuato. Ottimo, penso io tra me e me, sacramentando. Va bene: pago e (questa frase me la ricorderò finché campo, finché avrò l’Alzheimer e sono convinto che anche quando avrò il cervello in pappa, quando mi diranno la frase che segue tirerò un porco di dimensioni apocalittiche) al momento della consegna il liutaio B mi dice: “Ora hai un superbasso!“. Tutto contento me lo porto via e continuo a suonarci, sempre in maniera estremamente poco agevole, ma mo’ sarà una mia impressione, ti pare che ‘sto manico sia così ingestibile? Sì, lo è: decisamente ingestibile.

Su consiglio di un amico fraterno, scopro un giorno che non devo più fare 50 km per andare dal liutaio, anzi: ce n’ho uno a nemmeno venti minuti da dove abito, ma è merDaviglioso! Ecco, chiameremo questo giovanotto Liutaio C (l’ultimo? Sé, lalléro) al quale porto lo strumento che sto suonando sempre meno visto che il mio PRIMO basso l’ho reso nuovamente operativo con un manico completo di meccaniche, decal, trussrod funzionante e quant’altro (pronto da infilare nel corpo similPrecision del mio primo basso, una cineseria ‘sto manico sicuro, ma che suona da spavento) a soli SETTANTA euro (colpo di culo trovato su Mercatino Musicale, e anche su questo c’è da raccontare i TRE tentativi di invio da parte di SDA che non mi trovava perché abito in campagna tre capanne dopo Tarzan) mentre un set nuovo di DiMarzio DP126 l’ho pagato NOVANTA euro (acquistato tramite quello che diventerà l’ultimo liutaio, ossia D), trasformando un Hondo H83 II in un Fenderstein dal suono sorprendente (ci ho registrato in studio e va ch’è una bellezza).

Bene, andiamo dal liutaio C, facciamo conoscenza, mi sembra una persona seria e professionale nonostante la giovane età e gli espongo il caso: non nascondendo la desolazione mi dice che quel trussrod NON FUNZIONA, al di là del lavoro fatto con la tastiera che ha qualche discutibile pecca che noto solamente dopo, ma l’economia dello strumento non ne ha risentito, ad onor del pero (o anche del Piero). Niente, non si muove, non c’è verso. Avrei voglia di bestemmiare e bestemmio, abbondantemente e senza ritegno alcuno. Trecento euro buttati al vento, per un lavoro perfettamente inutile. Il mio G&L rimane parcheggiato lì, in attesa di tempi migliori. Intanto, ad aumentare il costante flusso di bestemmie palesemente contraddittorie scopro che (sedetevi) se avessi inviato il manico alla G&L me l’avrebbero sostituito gratuitamente perché questo era un problema ricorrente nei G&L statunitensi, ossia il trussrod sottodimensionato. Adesso m’attacco al cazzo e cerco (avessi culo una seconda volta, davéro davéro) di nuovo negli usati se trovo un altro manico G&L Made in USA, tanto ormai lo strumento ha irrimediabilmente perso il suo valore. In Calabria (privato su Ebay, diovolesse) trovo e repente mi faccio inviare quest’altro benedetto manico originale (inspiegabilmente senza meccaniche, ma poco importa, le tolgo dall’altro). Manico montato, meccaniche montate non senza qualche difficoltà (la meccanica del SOL è posizionata in maniera differente rispetto all’altro manico, nulla di irrisolvibile, ma restano ‘sti fori dietro alla paletta, ben coperti ma restano) e NEMMENO QUESTO TRUSSROD FUNZIONA. Lo strumento è a un passo dal falò anche perché va detto, il suono di questo G&L è semplicemente mostruoso: definito, potente, preciso, quanto di meglio non possa avere mai suonato. Le pochissime volte che ho avuto la possibilità di farlo suonare in coppia con il mio Ampeg SVT4 made in USA e la sua brava cassa 4×10 anch’essa Ampeg ho goduto come poche volte.

Carissimo liutaio C, gli do fuoco? Dopo alcuni tira e molla (lo vendo, te lo cedo, lo riprendo, lo metti in vendita, lo riprendo, il tutto inframmezzato dal vaffanculo di rito) altra asportazione di tastiera, il palissandro cede il posto a un ebano nerissimo e impenetrabile, di qualità pazzesca. Stavolta il liutaio C fa uno scasso brutale e ci mette un trussrod che trainerebbe un transatlantico, documentando doviziosamente tutto l’intervento effettuato. Eccezionale, il basso suona comodo e nonostante le corde sbagliate (diametro eccessivo) e ormai vetuste, è persino gestibile. Pago un’altra sassata (quasi quattrocento euro) e mi riprendo questo basso che, in realtà non sto suonando più.

THE END

Ma neanche per il cazzo. Pensavate davvero fosse finita?

Poiché ormai il mio primo strumento è la chitarra acustica e avendo necessità di effettuare ulteriori interventi allo strumento e, visto che il liutaio C è sempre più oberato di lavoro (rischiando di fare la fine del liutaio A, celebre per non dire mai di no, salvo riconsegnarti lo strumento alle calende greche), sempre su consiglio di amico professionista, vengo direzionato da quello che chiamerò, ovviamente, liutaio D. Finora il migliore: onesto e leale, disponibile quando possibile e pronto a dirti di NO se impossibilitato ad operare.
Avendomi fatto un ottimo lavoro sulla chitarra acustica (iniziato, per correttezza, dal liutaio C, un lavoro davvero ben fatto che ha fatto sì che la mia chitarra acustica suonasse e avesse un’action di una comodità mai vista) ho ritenuto opportuno portargli il basso per dare una sistemata, visto che dovevo registrare alcune parti in studio. “Ma i tasti sono storti” se n’uscì il liutaio D. Persino Satana s’era spaventato di fronte a una simile giaculatoria partorita dalla mia bocca: “Ma che cazzo dici? Come: STORTI?!“. I tasti di uno strumento dovrebbero essere ortogonali alla bisettrice della tastiera. Così non è: se uno guarda con attenzione lo strumento di fronte, la cosa si nota, pur non inficiando l’intonazione. Del trussrod non si è nemmeno parlato visto che, a quanto pare l’action non s’è mossa di un millimetro, ma la tentazione e il terrore di vedere se funziona o meno sono più che presenti.
Chiaramente lo strumento giace nella sua bella custodia originale da almeno un anno e mezzo, con la batteria (a mia memoria) ancora collegata. Spero sia una di quelle con il sistema di ritenuta (Duracell o Energizer) altrimenti sarà andato in vacca persino l’impianto elettrico, unica cosa degna di nota di quel basso di merda che è questo G&L L2500 Made in USA matr. 7104.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s