Barcollo e tracollo. 

Sei obiettivamente bellìno, con quella trippa ‘n forigiòco e la camicia ancora miracolosamente intonsa ma tanto è ròbba ‘è minuti.

Ti leggerò sul giornale? Speriamo di sì.

Che Roma ladrona Iddio la creò.

Ringraziamo l’ufficio marketing & telecomunicazioni di Gianluca Marchisio: grazie a lui sto spuntando con cura quali prodotti non comprare più. A meno che non mi accettino i miei bei marenghi padani fatti con autentico Grana Padano, uelà, no mi se var i ciàp un caz, t’è capì?

Gianluchino Marchisio, il principino, la buona educazione, la bella eleganza, la meglio gioventù, senz’altro, bel burlone dei miei stivali. Saluto con rammarico Fonte Lauretana, acqua ahimè buonissima, pubblicità molto di meno. Berremo altro, se ne faranno senz’altro una ragione.

Eric Cantona. Se lo chiamavano Dieu ci sarà stato un motivo.

Come fa uno che ha sàmbene otzieresu, madre catalana, nato a Marsiglia, a non diventare unu balente mannu, ma anzi, a diventare il calciatore del secolo del Manchester United (no la Tuscar Canaglia, eh)? Come dite poi? Matthew Simmons? Colui che andò contro Dio? E cosa vuoi pretendere? Hai avuto il tuo bel quarto d’ora di notorietà (bighellonando per il Web ho scoperto che il suddetto Simmons era tutto fuorché uno stinco di santo) e ora sei nella palta perché non trovi un lavoro per la bell’azione combinata quel giorno di tanti anni fa? Eh, aiutam’a ddice. Intanto riguardo con nostalgia gli ads della Nike e mi rendo conto che quel calcio non solo non c’è più, ma non tornerà (e non potrà tornare) mai più.

Powered by WordPress.com.

Up ↑