San Martino (e tu’ ma’)

La nebbia agl’irti colli

piovigginando sale

chi c’è là sulle scale

‘r budello di tu’ ma’

ma per le vie del borgo

tra ‘l ribollir dei tini

chi c’è dentro a’ casini

‘r budello di tu’ ma’

gira sui ceppi accesi

lo spiedo scoppiettando

chi viene qui cantando

‘r budello di tu’ ma’

 tra le rossastre nubi

stormi di uccelli neri

l’ha presi tutti ieri

‘r budello di tu’ ma’.

 

Giampaolo Leopardi, 1813 (forse)

Advertisements