È tutto inutile.

Siamo tutti dei maledetti.

Non c’è scampo.

Tranne la strega.

Che camperà solo il porco di Gesù sa quanto.

Advertisements

Il Tg4

Chi guarda il Tg4 ha un Q.I. di un bagel. Scusa, bagel.

Mozart e gli automobilisti.

Tre e mezza di un sabato mediocre: all’incrocio due utilitarie, di quelle trend&fashion che non significa sì un cazzo di nulla, ma oh, come suona bene.

Due utilitarie impegnate in un coccio, uno di quelli semplici, didascalici, addirittura banali: uno ha saltato la precedenza perché impegnato allo smartphone e l’altro che non ha visto il primo perché impegnato anch’esso allo smartphone.

Alla guida delle due utilitarie smart due tenere fanciulline che a) dovranno rimandare ahiloro la corsa ai regali di Natale e b) dovranno chiedere un extra al papi per quel piccolo incidentino, papi, è una cosa di nulla, salvo il papi bestemmiare su quei cinquemila euro di vaffanculo, il tutto regolamentato da due sceriffi nella loro Punto d’ordinanza su cui campeggia truce e solenne POLIZIA MUNICIPALE (e ‘sti cazzi nun ce ‘o metti?) a redarguire le puelle.

Più in là una Ford Fiesta, abbandonata, gomma a terra, senza copricerchio, in questo clima desolato. Una cartolina natalizia, degna di un incrocio in acido tra Buñuel e Bergman.

Mozart mi mette di buonumore, ma anche tutto ciò non è niente male.